Dic 24
2016
Scritto da Giovanni Petrella. Categoria Linux inviato il 24 Dicembre 2016.
Nuovi 526 visualizzazioni 0 posizione tra i favoriti

Cos'è GNU/Linux?GNU Tux

Quando senti la parola Linux, potresti pensare a programmatori con la barba che digitano strani comandi su uno schermo nero. Buone notizie! Le cose sono cambiate.

In breve

Linux è un sistema operativo, un software molto grande che gestisce un computer. È simile a Microsoft Windows, ma è del tutto gratuito. Il nome preciso è GNU/Linux ma "Linux" è usata più spesso.

Linux non è il prodotto di un'azienda, ma di più di un'azienda e gruppi di persone contribuiscono al suo sviluppo. In effetti, il sistema GNU/Linux è un componente chiave, di cui esistono molte varianti in molti prodotti differenti. Esse vengono chiamate distribuzioni.

Le distribuzioni cambiano completamente l'aspetto e il funzionamento di Linux. Ce ne sono di grandi ed elaborate (sviluppate principalmente da aziende), ma anche di leggere (spesso sviluppate da volontari) che si adattano a una memoria USB, oppre a vecchi computer.

Usare Linux

GNU/Linux non è più complicato di Windows, e ha molte più capacità. Sono necessari solo una dozzina di minuti per acquisire familiarità con una distribuzione come Ubuntu o Fedora, o altre centinaia di distribuuzioni che partono già con molti programmi installati.

Se hai bisogno di software di qualità commerciale per lavorare con documenti d'affari, Internet/rete, multimedia e grafica, è già tutto pronto. Vuoi di più? Con Linux si può – ci sono molte centinaia di applicazioni libere di elevata qualità che si possono trovare, installare e disinstallare velocemente e facilmente.

Tuttavia, non pensare a Linux come un clone di Windows. Per sapere cosa aspettarsi dal passaggio a Linux, ti suggeriamo di leggere Effettuare il passaggio.

Guardando meglio

Quando ottieni una distribuzione GNU/Linux ottieni anche la libertà di studiarla, copiarla, cambiarla, e ridistribuirla-- questo è ciò che la rende veramente il software libero.

Molte aziende sviluppano il loro sistema operativo basandosi sul software GNU: prodotti su cui non hanno diritti esclusivi. Come fanno ad andare avanti?

  • Molte compagnie traggono profitto dalla vendita di servizi e supporto alle loro distribuzioni GNU/Linux. I clienti acquistano assistenza e aggiornamenti di sicurezza gatantiti. Altri servizi spesso includono formazione e miglioramenti al software su richiesta.
  • Alcune aziende come HP o IBM contribuiscono a Linux perché lo pre-installano sui server che vendono.
  • Un'enorme comunità partecipa allo sviluppo e al miglioramento del software, diminuendo i costi e aumentando l'efficienza.

Alla fine gli utenti finali spesso ottengono il software gratuitamente, mentre gli acquirenti aziendali sono felici di pagare un'assistenza maggiore.community

Alcune considerazioni più terra terra ....!!

Quando comunemente compri un computer hai già installato l’ultima versione di Windows. Se compri un prodotto Apple hai già OS X. Quindi o Windows o OSX? No, non è così. Quando compri un computer, ovvero un hardware, spetta all’utente scegliere il sistema operativo da utilizzare. Per accordi commerciali tra Asus Samsung HP ecc . e Microsoft sui pc, c’è quasi sempre l’ultima versione di Windows e questa versione non è regalata, ma è acquistata. Ok, pago questa versione di Windows, compro un nuovo computer assemblato, voglio usare la licenza da un computer che non uso più, posso? No, questo perché molto spesso la licenza è valida solo ed esclusivamente su quell’hardware.


Ora non voglio parlare degli svantaggi di Windows, vi voglio parlare di una alternativa e di lei vi evito tutte le noie possibili ed immaginabili riguardo la sua storia. Gnu/Linux, più semplicemente Linux, è un sistema operativo libero (open source, ovvero che se sei un brufoloso ragazzo smanettone, puoi vedere ogni riga di come è scritto il programma, anche se non lo hai scritto tu e questo permette sia che il numero di virus sia nullo visto che si può controllare se sono presenti righe di codice malevole e sia che in caso di errori tutti i volontari, o dipendenti di una azienda, possano risolvere) e gratuito.


Linux è come dire Microsoft (una semplificazione abbiate pietà...). I sistemi operativi basati su Linux sono infiniti (sono basati tutti sul kernel creato da un tale Linus), ma i più celebri sono: Android (sì quello dei telefoni) Ubuntu, Arch, Elementary OS e Fedora. Ognuna di queste segue utenze diverse. La differenza sostanziale sta negli aggiornamenti che possono essere semestrali, con lungo supporto LTS, o “rolling release” ovvero che si aggiorna di continuo non appena il software è ritenuto stabile da parte dello staff. Ma attenzione tanti dispositivi quali telefonini, Tv, modem/router, decoder, Apparecchiature biomedicali e tanti altri sono basati sul kernel linux quindi noi usiamo linux tutti i giorni senza rendercene conto.

gestore appAvrete sempre aggiornamenti per sicurezza e per programmi (su Linux è il sistema che aggiorna i programmi, i driver, eccetera, oltre che ad avere un “app store” (le repository) dove sono disponibili tutte le applicazioni e non l’utente come su Windows). Ubuntu e altre distro come Linux Mint, Debian, Fedora, ARCLinux, ElementaryOS, SolydXK (e infinite altre) sono semplicissime da installare, molto più di Windows, oltre ad essere più potenti, stabili e leggere!

Anche su computer vecchi con la giusta distribuzione andrai veloce e senza problemi per sempre.


Non è tutto rose e fiori Linux. Se sei un accanito gamer o se devi lavorare con Photoshop o altri software professionali (fatti apposta solo per Windows per questioni di monopolio o profitto) o se al primo avvio più lento del precedente (cosa tecnicamente impossibile in quanto Linux non deteriora con il tempo) ti rechi al primo negozio per chiedere assistenza, Linux non fa per te.

Riassumendo

Vantaggi:
1) Libero e quindi con più sopporto dall’utenza
2) Leggero e quindi capace di farvi risparmiare in caso riteniate che il vostro computer sia diventato troppo lento per i vostri fini
3) Gratuito
4) virusPrivo di virus
5) Stabile (non vedrete mai schermate blu di errore)
6) Auto aggiornante, non dovrete più chiedervi se avete l’ultima versione dei driver o dei programmi
7) Facile da installare
8) Semplice da usare fatta l’abitudine per l’organizzazione del desktop
9) Facile da personalizzare
10) Forum di supporto molto utili, a qualsiasi problema troverete aiuto dalla community

Svantaggi:
1) Su hardware nuovi, siccome nVidia e AMD sviluppano lentamente i loro driver, le prestazioni possono essere inferiori graficamente, inoltre, ci possono essere prodotti non compatibili
2) Ostico da imparare per chi non è pronto a mettere in discussione le proprie abitudini
3) Privo di iTunes e di software per smartphone come Samsung Kies – Questo è una netta presa di posizione di queste case produttrici con il fine di non fare aumentare l’utenza di Linux, ma comunque ci sono tanti programmi per gestire i telefonini
4) Photoshop, Autocad ecc.. hanno alternative valide per studenti e pubblica amministrazione, ma non come professionisti. Se non avete voglia di imparare altri programmi o se non avrete la pazienza per usare un programma che ve li fa usare con alcuni passaggi da “nerd”, allora state pure fuori da Linux
5) Assenza di video giochi ad alte prestazioni, le famose fasce AAA, anche se come dimostra Steam le cose stanno cambiando anche in questo ambito

Io non vi dirò mai che Linux sia migliore di Windows o OSX (anche se devo ammettere che lo penso ..!!), io dico invece che ognuno deve usare il sistema su cui è più produttivo. C’è la questione morale,come disse Mandela nel spiegare il significato della parola Ubuntu che è di origini sudafricana, “Una persona che viaggia attraverso il nostro paese e si ferma in un villaggio non ha bisogno di chiedere cibo o acqua: subito la gente le offre del cibo, la intrattiene. Ecco, questo è un aspetto di Ubuntu, ma ce ne sono altri. Ubuntu non significa non pensare a se stessi; significa piuttosto porsi la domanda: voglio aiutare la comunità che mi sta intorno a migliorare? ”

Poi c’è la questioni economica. Linux è gratuito e non ha bisogno di manutenzione costante: immaginate che in tutte le scuole, in tutti gli uffici pubblici in cui si devono “solo” creare i documenti inviali compilarli e stamparli, si utilizzasse appunto Linux. Il risparmi sarebbe enorme togliendo il problema della licenza Microsoft Office/Windows con anche gli antivirus. Comuni in Italia, come Bolzano, sono passati a Linux. La Germania, la Cina, la Korea del Nord, la Russia, la Svezia, la Francia, l’Uruguay e tanti altri, stanno migrando o sono già migrati verso Linux per sicurezza e stabilità.
Il consiglio è di provare ad usare Linux un mese, ovviamente in dual boot. Alla fine valutare se tenerlo, usare il dual boot o persino cancellare Windows!

Ultima considerazione un falso mito che gira ancora è quello che 'Linux è difficile' nonostante tantissimi utenti ogni giorno entrano per la prima volta nel mondo linux e ne rimangono abbastanza soddisfatti quindi visitate questo album di foto su facebook che con ironia prende in giro tutti coloro che sostengono ancora questo falso mito!

(articolo originale: Cos’è e perché usare Linux adattato e modificato da PrismaDIGITALE)

Per approfondimenti sull'argomento consigliamo: http://www.getgnulinux.org/it/ da cui sono state prese alcune parti per integrare questo articolo.


Giovanni Petrella

Autore: Giovanni Petrella

11 0 0