Dic 08
2016
Scritto da Giovanni Petrella. Categoria Amigoso inviato il 08 Dicembre 2016.
Nuovi 613 visualizzazioni 0 posizione tra i favoriti

TAWS (The Amiga Workbench Simulation)TAWS (The Amiga Workbench Simulation) è una simulazione JavaScript del Workbench Amiga e di AmigaOS utilizzabile sul browser web realizzata da Michael Rupp.

Per capire perchè vi parlo di questo simulatore vi parlo un pò di me.

Il mio primo computer è stato un Commodore 64 a 18 anni (questo vi fà capire quanto sono vecchio) poi sono passato a un Amiga 500, poi A600 e A1200. Questi computer mi hanno accompagnato per anni permettendomi di imparare a programmare in basic e assembler quando internet non era ancora stata inventato ma le informazioni si scambiavano tramite le BBS (Bulletin Board System).

Ho dei ricordi bellissimi delle ore passate in compagnia di Amiga Workbench, dei giochi e di tutto il mondo che offriva questa macchina.
Dopo il fallimento della Commodore questo mondo che mi aveva formato ha cominciato a sbiadirsi insieme alle speranze, sempre deluse, di un rilancio del sistema operativo e delle macchine ed ho perso interesse per l'informatica.

Sono stato costretto a usare Windows per il mio lavoro di contabile in ufficio ma avevo un rigetto continuo e mascheravo la cosa con continui cambiamenti di skin del pc con cui lavoravo.

Questo mio atteggiamento si concretizzava anche in una mia continua voglia di smanettare, di capire come funzionavano le cose e modificarle adattandole alle mie esigenze (anche se con Windows era molto difficile), tutto questo mi faceva apparire quantomeno eccentrico agli occhi dei colleghi di lavoro e a me procurava un senso di frustrazione come se mi mancasse un pezzo di libertà.

Quando venni in contatto con Linux e con l'open source e come se fossi stato investito da un raggio di luce e la passione comincio a tornare.

Poi con l'avvento di internet e quindi le tecnologie web quali CMS, LMS e i linguaggi connessi quali html/css/php/javascript ho capito che la mia passione per l'informatica si doveva riversare in questi aspetti. Capito anche che il treno della mia prima passione, la programmazione era passato per l'età e la mancanza di studi specifici ho lasciato il mio vecchio lavoro di contabile e mi sono buttato nell'informatica aprendo un negozio di assistenza e vendita e piano piano in anni di studio da autodidatta e smanettamenti continui tramite gli strumenti open source sono arrivato a fare il lavoro di webmaster.

Tutto questo discorso solo per far capire che il feeling che mi ha lasciato dentro l'uso dell'Amiga e del suo sistema operativo Workbench (in realtà il sistema operativo era AmigaOS e il Workbench una parte) mi ha tenuto acceso la fiammella della passione per la tecnologia informatica e quindi questo simulatore è come guardare le foto della nostra giovinezza che ci ricordano tanti momenti importanti da conservare in album e guardarseli ogni tanto.

WorkbenchOSIl simulatore in un browser è un modo semplice e immediato di guardarsi questo sistema operativo senza installazioni, macchine ed emulatori proprio come le foto le guardi pochi secondi, sorridi, ricordi, provi sensazioni ed emozioni e le rimetti nel cassetto.

Non è solo nostalgia per i bei tempi andati ma anche storia da conservare, come reliquie da mettere in un museo. Ormai non credo più che questo sistema operativo possa rinascere in qualche modo ma il suo feeling mi accompagna tutti i giorni nel mio lavoro tramite la mia distrubuzione linux che ho chiamato ovviamente WorkbenchOS e nella quale tento di continuo di riprodurre questo feeling tramite l'interfaccia grafica.

Solo la libertà e l'apertura di Linux e del software open-source permette a chiunque come me di farsi un remix del sistema operativo che vuole usare senza che nessuno possa imporgli cosa fare e come TAWSfarlo e avendo la possibilità di studiarsi documentazione e codice, ma questo è un altro discorso.

Ritornando a TAWS potete provare tutte le varie versioni del Workbench accedendo al cassetto 'preset' sul desktop nel browser.
Sempre sul desktop nella cartella 'System' e poi 'TAWS' troverete il changelogs per vedere lo stato di sviluppo del software ma anche i piani futuri di sviluppo.

Michael Rupp sta svolgendo uno splendido lavoro pertanto visto che nei piani futuri è previsto una versione localizzata in varie lingue mi proporrò per aiutarlo nella traduzione per l'italiano.

Michael è spinto solo dalla passione e dedica il suo tempo a questo progetto senza scopi di lucro pertanto è giusto che chiunque voglia partecipi nel pieno spirito dell'open-source.

Quindi in conclusione voglio ringraziare personalmente Michael perchè tiene vivo questo album di ricordi e lo incoraggio ad andare avanti, e invito tutti a visitare il progetto The Amiga Workbench Simulation

TAWS


Giovanni Petrella

Autore: Giovanni Petrella

11 0 0

Wrapper del progetto >>  'TAWS (The Amiga Workbench Simulation)'